Industria Vicentina
IVApp
02/13/2018

Favini: quando il packaging è di lusso, innovativo e sostenibile

La linea BIO+ di Vagheggi "veste" Shiro Alga Carta, il pack ecologico che nasce dalle alghe.

Simone Bonini

Con la creazione del packaging per la linea di cosmetici BIO+ di Vagheggi, la cartotecnica Favini si conferma punto di riferimento nelle soluzioni grafiche innovative e sostenibili per "vestire" i prodotti del settore luxury e fashion.

Il pack, ideato da Weagroup - agenzia di comunicazione che ha sviluppato il progetto creativo di BIO+ Vagheggi - è stato creato con l’obiettivo di rispondere allo stesso tempo sia alle esigenze estetiche legate al design, sia alle linee guida della filosofia bio di Vagheggi. "Per il packaging della nostra nuova linea desideravamo una carta ecologica, sostenibile e biodegradabile che fosse anche innovativa. Abbiamo trovato in Favini e nella sua Shiro Alga Carta, che nasce dal riuso creativo di alghe, la risposta a tutte le nostre esigenze", ha dichiarato Valeria Cavalcante, Amministratore Delegato Vagheggi.

La carta ecologica innovativa Shiro Alga Carta, nata negli anni Novanta grazia alla ricerca di Favini sui possibili utilizzi delle alghe infestanti della Laguna di Venezia, è oggi creata a partire dalle alghe in eccesso provenienti da ambienti lagunari a rischio di tutto il mondo. Certificata FSC, fa parte della linea di carte ecologiche Shiro di Favini.

Non solo la materia prima, le alghe, ma l'intero processo produttivo di Shiro Aga carta segue la via della sostenibilità. Favini, che ha da poco pubblicato con il "Sustainability channel" i risultati del proprio impegno pluriennale nella riduzione dell'impatto ambientale, ha scelto di neutralizzare le emissioni residue non evitabili di Shiro per aumentare il valore al prodotto e il proprio livello di Corporate Climate Responsibility. Grazie a un’azione di Carbon Offset, le emissioni generate per produrre la carta sono interamente compensate da Carbon Credit, acquisiti da Favini per finanziare attività in grado di assorbire CO2 nell’atmosfera.

Inoltre, il packaging della linea Bio+ non prevede verniciature e punti colla, non ha al suo interno il bugiardino in quanto è il pack stesso a trasformarsi in superficie scrivibile che funge direttamente da foglietto illustrativo e informativo. Vaso e contagocce sono realizzati in vetro “ultraleggero”, a basso impatto ambientale e facilmente riciclabili mentre i tubi in bioplastica, PE a base vegetale - realizzata facendo fermentare lo zucchero della canna da zucchero, coltivata in Brasile e senza OGM - permettono una notevole diminuzione di emissioni di CO2 in atmosfera e sono certificati con il logo “I’m green”.

"La nostra Shiro Alga Carta è un chiaro esempio di come sia possibile riutilizzare in modo utile e creativo un materiale la cui proliferazione abnorme risulti dannosa per l’ambiente e difficile da smaltire: le alghe" - ha dichiarato Eugenio Eger, Amministratore Delegato di Favini - "Shiro è la risposta ideale alle esigenze di comunicazione delle aziende con un forte orientamento ecologico e unisce il meglio delle nostre capacità innovative, espresse anche nelle linee Crush e Remake nate rispettivamente dal riuso creativo di sotto-prodotti delle filiere agro-industriali e della pelletteria".




© RIPRODUZIONE RISERVATA

TV e Radio

  • Confindustria Sette

    TEDxVicenza 2018: From Me to We, Aspettando il Premio Neri Pozza, Renzo Rosso rileva il Vicenza Calcio

    Confindustria FM

    Ascolta la rubrica radiofonica di Confindustria Vicenza

Imprese