Industria Vicentina
IVApp
10/03/2018

Gruppo Ferretto: la famiglia Ferretto riacquista il 40% dalla multinazionale cinese Dong Fang

Dopo un 2018 che si stima chiuderà con un turnover di circa 100 milioni di euro, l'obiettivo dell'operazione è accelerare l'evoluzione aziendale.



Dopo tre anni di proficua collaborazione, Ferretto Group Spa, fondata nel 1956 a Vicenza ed oggi uno dei principali operatori nel settore del magazzinaggio e del material handling, ritorna ad essere al 100% della famiglia Ferretto.

L’operazione infatti prevede il riacquisto del 40% delle azioni dalla multinazionale Dong Fang Precision Science Co. Ltd quotata alla borsa di Shenzen e si profila come tassello ulteriore per la crescita e la futura espansione del Gruppo.

Siamo orgogliosi e soddisfatti del percorso fatto con il nostro partner cinese – sottolinea il Presidente Gian Carlo Ferretto -. Gli ultimi sono stati tre anni di crescita intensa per la nostra azienda grazie ai quali nel 2018 siamo giunti ad aprire un nuovo stabilimento in Bosnia ed Erzegovina per la produzione di scaffalature metalliche e carpenteria e chiuderemo l’anno raggiungendo un turnover di circa 100 milioni di euro. Desideriamo quindi ringraziare Dong Fang per la collaborazione ed anche per l’apertura dimostrata in questa operazione con la quale vogliamo dare ancora più linfa e velocità al nostro sviluppo”.

Il riacquisto delle quote societarie ha infatti alla base la forte volontà della famiglia di continuare ed accelerare in maniera ancora più significativa il percorso di crescita puntando in modo sempre più deciso sull’automazione in un mercato che si sta sviluppando rapidamente.

La famiglia Ferretto ha sempre creduto e crede fortemente nel Gruppo e nelle sue potenzialità – testimonia il Vice Presidente Riccardo Ferretto. Il settore dell’automazione ha un trend di crescita molto significativo in Europa e a livello mondiale, ma richiede capacità, attenzione al prodotto, innovazione e velocità d’esecuzione. In questo senso abbiamo iniziato un percorso di sviluppo del Gruppo con un focus particolare sull’automazione e con questa operazione vogliamo accelerare l’evoluzione aziendale ed essere ancora più reattivi nel mercato tramite le nostre società in Italia ed all’estero. Abbiamo una visione, abbiamo una strategia e le persone giuste per raggiungere gli obiettivi prefissati nei prossimi anni, che comprendono anche la nostra storica presenza nel mercato delle scaffalature la quale sarà potenziata grazie alla significativa specializzazione della nostra azienda in Bosnia.”

È infatti previsto un piano di investimenti industriali e in ricerca e sviluppo finalizzati a sviluppare in modo particolare l’automazione, a migliorare la competitività ed a puntare in maniera sempre più decisa ai mercati internazionali.

Il progetto di conversione della sede di Vicenza – che va di pari passo con lo sviluppo dello stabilimento in Bosnia – è un tassello importante del processo di crescita che Ferretto Group sta realizzando. Un processo che passa anche, naturalmente, attraverso la valorizzazione delle competenze e delle professionalità che operano in azienda. Ferretto Group infatti ha avuto la capacità di incrementare il personale con circa 70 assunzioni negli ultimi 4 anni (2015- 2018). L'investimento sulle risorse umane risponde alle necessità dettate dalla crescita dell'azienda e alla volontà di farsi trovare pronti e reattivi alle sfide del mercato. E sulle risorse umane si punterà e si investirà ancora in futuro già a partire dal 2019, il tutto ora avvalorato dalla possibilità di adattare l’organizzazione in maniera veloce e snella sulla base delle esigenze e del mercato, elementi che si riveleranno come plus importanti per il Gruppo.

Nel corso dell’ultimo anno – chiosa Riccardo Ferretto – abbiamo sviluppato un business plan basato su una strategia ben definita assieme al nostro Amministratore Delegato, Miguel Fabra. La sua profonda esperienza del settore e del mercato ha infatti contribuito in maniera significativa alla realizzazione del piano. I prossimi saranno anni sfidanti ed intensi ma siamo fiduciosi che la nostra organizzazione riesca a traguardare quanto prefissato.”




© RIPRODUZIONE RISERVATA

TV e Radio

  • Confindustria Sette

    Brexit: l'incontro con l'Ambasciatore del Regno Unito, STEM: verso una nuova cultura tecnica per il Made in Italy, Manuela Di Centa a Palazzo Bonin Longare per il Mese della Formazione Niuko

    Confindustria FM

    Ascolta la rubrica radiofonica di Confindustria Vicenza

Imprese