Industria Vicentina
IVApp
12/11/2018

"La pubblicità è un gioco": l'ultimo libro di Gianluca Mech sulla case history della sua azienda

Un lavoro dedicato al marketing e alle strategie pubblicitarie messe in atto per costruire una brand awareness solida.



Gianluca Mech ha presentato a Milano, presso la sede di Assolombarda, il suo ultimo libro: "La pubblicità è un gioco", edito da Cairo Editore.

Durante la presentazione, che ha ottenuto un grande successo di pubblico, hanno dialogato con l'autore Roberta Capua (conduttrice insieme a Mech della trasmissione Belli dentro, belli fuori, in onda su La7), Elio Pecorini (Agenzia di comunicazione Gruppo Glebb&Metzger), Marco Garavaglia (Cairo Editore) e ha moderato Roberto Bussola (Banca Mediolanum).

Attraverso la voce di ognuno dei relatori è stata illustrata la case history di una Pmi italiana che per visibilità e notorietà, attraverso un'accurata strategia di investimenti in pubblicità e attività di comunicazione, è paragonabile a top brand del panorama nazionale. Risultato ottenuto grazie alla visione di Gianluca Mech e a un lavoro di squadra che negli anni ha portato alla creazione del posizionamento e del mantenimento della notorietà del brand.

"Scegliere bene i mezzi sui quali fare pubblicità, farsi consigliare da interlocutori seri, mettersi in ascolto dei manager - ha ribadito Mech - restano prerequisiti fondamentali se si vuole costruire una brand awareness solida".

Grazie alle media relations, ad un saggio lavoro di marketing mix e di rinnovamento dell’immagine coordinata (che a partire da un'indagine di mercato ha portato anche al restyling dei packaging dei prodotti) l’Azienda di Gianluca Mech ha ottenuto un ottimo risultato che incoraggia tutti ad intraprendere la strada della pubblicità pur non essendo dei colossi con una grande capacità di spesa.”




© RIPRODUZIONE RISERVATA

TV e Radio

  • Confindustria Sette

    Metalmeccanica vicentina: la produzione regge nonostante l'evidente rallentamento, La missione in Kazakistan: intervista a Remo Pedon e Francesco Rucco

    Confindustria FM

Imprese