Industria Vicentina
04/11/2019

Appello per l’Europa di Confindustria, CGIL, CISL e UIL



"Oggi a Roma abbiamo incontrato i leader di CGIL, CISL e UIL per costruire insieme un Appello per l’Europa. Un documento che mette al centro l’idea di una nuova Europa che si fonda su due assi: l’identità europea, da rafforzare con una grande stagione riformista; e la centralità del lavoro, come leva di sviluppo e coesione sociale".

Sono queste le parole che riassumono il contenuto del documento "Appello per l'Europa" firmato l'8 aprile da Confindustria e dai Sindacati.

Il progetto dell'Unione Europea deve essere rilanciato in tutta la sua portata di civiltà - si legge sul sito di Confindustria -, è cruciale per affrontare le sfide e progettare un futuro di benessere per l'Europa che è ancora uno dei posti migliori al mondo per vivere, lavorare e fare impresa.

Sono tempi incerti, instabili, travagliati per l'Unione europea e per il mondo. Le conseguenze economiche e sociali della crisi degli anni recenti e delle politiche di rigore pesano ancora sui cittadini, sui lavoratori e sulle imprese.

Urge accelerare il processo di integrazione europea, da perseguire anche se sarà necessario coinvolgere i Paesi membri in tappe e tempi diversi avviando un percorso costituente, comunque necessario.

È già accaduto nel 1957 con i sei paesi fondatori; è successo nel 1998 con la creazione dell’Euro.

Nel nostro ruolo di parti sociali, continueremo a contribuire ad un progetto europeo di successo e ad un'Europa unita che garantisca una crescita sostenibile ed inclusiva, un contesto di benessere a lavoratori e imprese, proponendo iniziative che migliorino le condizioni di vita e di lavoro ed offrano un futuro migliore a tutti i cittadini europei.

Insieme a CGIL, CISL e UIL riteniamo importante che i deputati italiani che verranno eletti al Parlamento Europeo si occupino prioritariamente di:

  • unire persone e luoghi in Europa
  • dotare l’Unione degli strumenti per competere nel nuovo contesto globale
  • potenziare la rete di solidarietà sociale europea
  • sviluppare il dialogo sociale e la contrattazione a livello europeo

Per queste ragioni esortiamo i cittadini di tutta Europa ad andare a votare alle elezioni europee dal 23 al 26 maggio 2019 per sostenere la propria idea di futuro e difendere la democrazia, i valori europei, la crescita economica sostenibile e la giustizia sociale.

Per gli approfondimenti e per il dettaglio delle proposte di Confindustria, CGIL, CISL e UIL, in allegato il testo dell’Appello per l’Europa delle parti sociali italiane.

Appello+per+l'Europa.pdfAppello+per+l'Europa.pdf