19/04/2022

Materie prime: l'aggiornamento a marzo di prezzi e previsioni attraverso la piattaforma APPIA

La piattaforma di Prometeia è disponibile gratuitamente per le aziende associate a Confindustria Vicenza.

Confindustria Vicenza mette gratuitamente a disposizione delle aziende associate, un nuovo strumento per l'analisi e la previsione dei prezzi delle materie prime: APPIA.

Nella piattaforma è stato reso disponibile l'aggiornamento mensile degli analytics che sono stati aggiornati con la congiuntura dei prezzi relativa a marzo, e con le nuove previsioni.

Alcune delle evidenze dall’ultimo aggiornamento:
 
Nuova accelerazione dei prezzi delle commodity.
 L’alleggerimento della seconda metà di marzo non è stato sufficiente a riassorbire l’effetto dei rialzi successivi all’invasione russa dell’Ucraina: non si è, pertanto, arrestato il percorso rialzista dell’Indice Prometeia-APPIA in euro, in crescita di circa il 16% in marzo, l’incremento su base mensile più intenso da quando viene calcolato l’Indice (1985) e oltre l’80% in più rispetto ai livelli di un anno fa. 
 
Rialzi più intensi per energia, metalli e agricoli. Tutte le commodity energetiche, in primis gas (+60% circa il benchmark TTF, rispetto a febbraio) ed elettricità (+46% circa il Prezzo Unico Nazionale), sono state impattate in misura intensa nelle settimane successive allo scoppio delle ostilità. Le tensioni, tuttavia, non sono rimaste limitate a questi mercati. Marzo si è chiuso con rincari a doppia cifra dei prezzi di molti metalli non ferrosi, tra cui nickel, alluminio e zinco. Ancora più intensi gli aumenti degli acciai in Italia e in Europa (l’Ucraina è tra i primi mercati di approvvigionamento di input siderurgici), con rialzi di intensità compresa tra il 25 e il 35%, a seconda del prodotto. Le tensioni non hanno risparmiato nemmeno le principali commodity agricole: Ucraina e Russia sono tra i maggiori paesi esportatori di frumento, in larga parte di varietà tenera, rincarata di oltre il 40% in euro sui mercati internazionali. Sfavorevole anche l’andamento delle dinamiche valutarie: l’indebolimento dell’euro (a 1.10 sul dollaro, contro gli 1.13 di febbraio) ha ulteriormente “appesantito” l’impatto dei rialzi dei prezzi delle materie prime sui mercati internazionali per le imprese italiane ed europee. 
 
Ipotesi di riassorbimento delle tensioni dalla seconda metà del 2022. Nell’ipotesi di una (almeno provvisoria) stabilizzazione della situazione sul terreno entro la prima metà del 2022, a partire dalla seconda metà dell’anno le tensioni sui prezzi delle principali materie prime potrebbero lasciare spazio a un primo, contenuto alleggerimento. Pur in un contesto di domanda internazionale più «debole», costi di produzione energetici ancora elevati, l’impatto diretto del conflitto sulla disponibilità di molte commodity, le tensioni logistiche e, più in generale, un’offerta mondiale attesa svilupparsi a ritmi insufficienti a generare surplus manterranno tuttavia i prezzi su livelli storicamente elevati. 
 
Indice Prometeia in crescita del 38% nel corso del 2022. Complice soprattutto la revisione verso l’alto del prezzo del gas naturale (conseguente alla prospettiva di forte riduzione della dipendenza europea dalle forniture russe, progressivamente sostituite da altre forniture più costose ma funzionali all’obiettivo di mettere maggiormente in sicurezza la filiera europea degli approvvigionamenti energetici) l’Indice Prometeia-APPIA è atteso archiviare il 2022 con una crescita in euro del 38% (che si somma al +70% registrato nel corso del 2021), circa 10 punti percentuali in più rispetto a quanto ipotizzato a marzo… e 25 punti in più circa rispetto allo scenario di febbraio, prima dell’invasione.

 

Questo servizio realizzato da Prometeia, primario player nel settore della ricerca e analisi di mercato, poggia sull’innovativa piattaforma digitale APPIA, consultabile per:

  • ottenere informazioni puntuali su un panel di 70 materie prime, selezionate tra le più strategiche per le imprese dei sistemi produttivi domestici
  • consultare il sistema di reportistica congiunturale mensili e di filiera
  • partecipare ai cicli di webinar di filiera organizzati semestralmente 
  • ottenere supporto consulenziale

Si invitano perciò le imprese interessate ad avere la possibilità di accedere a questo servizio di inviare un'e-mail a appia@confindustria.vicenza.it per fornire le informazioni a seguito riportate, utili per l'attivazione del profilo nella piattaforma:

  • ragione sociale
  • partita IVA
  • nome cognome e email dell'utente amministratore 
     

L'utente amministratore avrà poi la possibilità di abilitare fino a 3 ulteriori utenti aziendali.



Photo by energepic.com on Pexels

Giacomo Martin

Giacomo Martin

Area Credito e Finanza di Confindustria Vicenza / g.martin@confindustria.vicenza.it / tel. 0444232500